Text Size

21/11/2013 Sei innamorata/o? Avrai una riduzione del tuo controllo cognitivo

Traduco l’abstract di questo interessante articolo pubblicato su Motivation and Emotion da parte di Henk Steenbergen, Sandra J. E. Langeslag, Guido P. H. Band e Bernhard Hommel dal titolo “Reduced cognitive control in passionate lovers”.

L’amore appassionato è associato con intensi cambiamenti emotivi e attentivi che svolgono un ruolo importante nei primi stadi della formazione di una relazione romantica. Sebbene l'amore appassionato di solito comporta un innalzamento dell’attenzione verso l’amata/o, che a volte rasenta l’ossessione, alcune evidenze suggeriscono che la concentrazione degli innamorati per le attività della vita quotidiana, come lo studio e il lavoro, potrebbero essere compromesse, suggerendo una riduzione del controllo cognitivo. Anche l’affetto potrebbe contribuire ai cambiamenti nel controllo cognitivo.

È stato esaminato dagli autori dell’articolo il collegamento fra l’amore appassionato e il controllo cognitivo in un campione di studenti che avevano recentemente iniziato una relazione romantica. L’intensità dell’amore appassionato misurato dalla “Passionate Love Scale” sembra correlare con il decremento dell’efficienza individuale di controllo cognitivo, misurato attraverso la prestazione attraverso l’effetto Stroop e flanker.

Non c’è alcuna evidenza che i cambiamenti affettivi possano influenzare tale effetto. Questo studio fornisce la prima evidenza empirica che l’amore appassionato nelle prime fasi di una relazione romantica è caratterizzato da un peggioramento del controllo cognitivo.

Certamente questo studio può essere considerato il primo di una lunga serie. Obiettivo generale sarà approfondire se il fenomeno sia presente in relazioni romantiche più durature, cercando di comprenderne anche il ruolo di variabili individuali e relazionali in grado di modularlo.